Informazioni per il mercato USA 2018-01-11T17:19:19+00:00

Informazioni utili per il mercato USA

Qui di seguito informazioni utili che riguardano il mercato USA utili a tutti gli imprenditori per conoscere rischi od opportunità emergenti.

Workshop Gen USA Host Milano 2017

Articolo di Vittorio Agnati, Partner di Gen USA, sulla rivista “Dirigere l’Azienda” (pag 4)
Per affrontare molti mercati esteri, quindi, le PMI oltre ad avere programmi comuni e condivisi per l’approccio al mercato, dovranno avere programmi comuni anche per sostenere le fasi della promozione, della vendita e del postvendita sul territorio…

Leggi Fonte >

Corre l’export negli Usa di alimentare made in Italy, ma solo nei grandi Stati della costa orientale e in California: nel resto c’è poco. I primi tre Stati, New Jersey, California e New York, assorbono il 60% dell’export tricolore e i Top 10 addirittura il 90%. Da un sondaggio emerge che gli americani sono disposti a pagare un premio per il vero made in Italy ma nel Midwest il prezzo più alto diventa un ostacolo all’acquisto…

Leggi Fonte >

Fare Business negli Stati Uniti nell’era Trump: chiusura di un grande mercato o nuove opportunità all’orizzonte?

Quali sono gli scenari prevedibili per le aziende italiane che guardano al mercato USA?
Gli Stati Uniti sono il più grande mercato del mondo e la nuova amministrazione sta imponendo nuove politiche economiche assolutamente imprevedibili fino a pochi mesi fa. Certamente il vento è cambiato, non si può che prendere atto di questa situazione; aziende ed imprenditori, cosa devono fare in una situazione del genere: riparare nel porto più vicino ed aspettare oppure regolare le vele e persistere nella propria rotta?
Durante il workshop cercheremo di capire se gli Stati Uniti rimangono un mercato accessibile/interessante e quali sono le nuove regole per poter operare efficacemente sul territorio USA.

Leggi Articolo e guarda il video >

Un’analisi dei punti salienti della presidenza Trump, e come quest’ultima potrà influire sull’internazionalizzazione delle imprese italiane

L’8 Novembre 2016 l’America ha scelto Donald Trump come suo 45esimo Presidente, costringendo i media di tutto il mondo ad una doccia fredda, dopo averlo dato per spacciato fin dalla sua discesa in campagna elettorale. Si temeva un crollo dei mercati in stile Brexit, invece gli indici finanziari americani non solo hanno retto, ma hanno rilanciato al rialzo. Il Dollaro si è prezzato dimostrando che che la FED (banca centrale americana) vede di buon occhio le politiche economiche di Trump, volte all’espansione dell’industria Americana, e di conseguenza all’aumento dei consumi.

Fin dalla prima settimana alla Casa Bianca il neopresidente si è adoperato per mantenere le promesse fatte, emanando ordini esecutivi in tema di immigrazione ed economia. Ha dichiarato guerra al trattato commerciale NAFTA (North America Free Trade Agreement) che intercorre tra Canada, Stati Uniti e Messico, quest’ultimo nemico numero uno per essere sede di impianti produttivi a basso costo. L’accanimento contro il NAFTA è dovuto alla pratica diffusa nell’industria Automotive di produrre vetture in Messico per poi rivenderle negli States. Trump ha difatti minacciato dazi del 35% alle case automobilistiche avvezze a questa strategia. I diversi CEO, da FCA a Tesla, hanno risposto immediatamente,  promettendo ulteriori investimenti in USA, vedendosi bloccato l’ingresso al mercato americano dalla porta sul retro.

Le minacce di dazi non hanno risparmiato l’Italia e l’Unione Europea. A fine Marzo, in ritorsione ad una ban dell’ UE delle carni americane, Trump ha annunciato possibili dazi, anche del 100% a formaggi francesi, alle moto Piaggio e ad altri prodotti di cui l’Italia è esportatrice. Per quanto questa notizia possa aver spaventato, è necessario contestualizzarla. Fin dalla campagna elettorale Trump ci ha abituati ad una strategia di comunicazione sopra le righe, che fa capire quanto la cifra “100%” sia simbolica e volta a creare clamore. Inoltre è necessario considerare che tra lanciare minacce e metterle in pratica la strada è lunga. Ci sono diversi player, come la WTO (Word Trade Organization) ed dinamiche interne allo stesso partito repubblicano, ai quali anche il Presidente degli Stati Uniti deve dare conto. Senza contare che tale imposizione doganale innescherebbe una guerra commerciale senza precendenti, che annullerebbe i forti legami commerciali che intercorrono tra USA ed UE. Tali legami, nel 2015, sono valsi 870 Miliardi di Dollari. Un ulteriore fattore da considerare sono gli export ed investimenti diretti esteri americani, di cui l’Europa è la principale destinazione. La messa in discussione di tale partnership sarebbe molto dannosa per entrambre le parti, e pertanto altamente improbabile.

Nel mirino di the Donald è finito anche il trattato TTIP, destinato ad abbattere le barriere commerciali tra USA ed Unione Europea. Come fa notare Cecilia Malmstrom (Commissario Europeo per il commercio), se  il TTIP navigava in cattive acque già prima dell’avvento di Trump, ad oggi si può considerare affondato. Qui l’Italia cade fortunatamente in piedi: il trattato in questione sarebbe andato ad abbattere le differenze qualitative degli alimenti in favore dell’Italian sounding, acerrimo nemico del Made in Italy.

In ambito manifatturiero, si prospetta terreno fertile per gli investitori italiani che strizzano l’occhio al mercato oltreoceano. A Gennaio, Trump ha istruito il ministro del commercio di analizzare le leggi federali che frenano l’espansione dell’industria USA, con lo scopo di semplificarne le procedure. Anche la Tax Reform svela il lato business friendly del nuovo Presidente. I punti chiave sono la piena, totale ed immediata deducibilità degli investimenti (molto più agevole del nostro sistema di ammortamenti), il tetto del 15% alla corporate tax e la diminuzione del numero delle fasce di reddito per l’imposizione fiscale da sette a tre. Lo scopo è alleggerire il carico fiscale alle imprese, attraendo investimenti esteri, ed aumentare i consumi del ceto medio-alto, principale destinatario degli export di qualità.

L’amministrazione Trump non rappresenta quindi la fine di un era, bensì preannuncia un nuovo modo di internazionalizzarsi verso gli Stati Uniti. Rispetto all’export, saranno agevolati gli investimenti diretti negli Stati Uniti, e sarà maggiormente necessaria una presenza stabile e continuativa negli USA. Alcuni settori continueranno a percorrere la via del export per mantenere la loro essenza, in particolar modo il settore Food & Wine, che nella maggior parte dei casi richiede che la produzione rimanga in Italia. Per altri settori invece, come ad esempio l’eccellente meccanica Italiana, si dovranno valutare investimenti in impianti produttivi sul suolo americano.

Ci sarà quindi una transizione dalla mera vendita e spedizione all’estero, alla creazione di una filiale in America, oppure di una join venture con partner americani. In ultima istanza si dovranno valutare acquisizioni ed investimenti diretti. E’ bene ricordare che strategie diverse di internazionalizzazione presuppongono diversi obiettivi, costi e profitti. Tuttavia le politiche business friendly di Trump, e gli incentivi agli investimenti esteri già in essere nei diversi stati americani, favoriranno questa transizione.

Le aziende italiane, per poter operare con successo negli States, dovranno quindi “americanizzarsi” attraverso una presenza stabile e continuativa negli Stati Uniti.

Antonio Balassone

Le minacce dell’amministrazione Trump di imporre nuovi dazi e barriere sulle importazioni non sembrano intimorire, almeno per il momento, l’arredo-design made in Italy. Le esportazioni italiane di mobili e illuminazione negli Stati Uniti continuano a correre anche nel primo scorcio del 2017, segnando un aumento del 25,4% nel mese di gennaio rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, stando ai dati elaborati da FederlegnoArredo…

Leggi Fonte >

Nella due giorni di accoglienza milanese dell’ex presidente Barack Obama, dall’interscambio Italia-Usa arrivano numeri interessanti. Riguardano l’export di prodotti made in Italy nel ricco mercato statunitense. Alcuni esempi: Assolatte segnala che sulla scia del boom della pizza italiana negli Usa, le vendite di mozzarella italiana sono volate del 31,7% nell’ultimo anno, surclassando il tradizionale formaggio cheddar…

Leggi Fonte >

Compilare la domanda elettronica per visto non immigrante, modulo DS-160.  Si prega notare che il Consolato di Roma è l’unico in Italia preposto all’espletamento delle pratiche di visto E.  Dunque, è necessario selezionare Roma come località nella richiesta.  Sarà inoltre necessario compilare un DS-160 per ogni membro della famiglia  al seguito…

Leggi Fonte >

Export motore dell’Italia spa: +4% in quattro anni, varrà un terzo del Pil. (fonte La Repubblica)

MILANO – Il Made in Italy del mondo è una leva attraverso la quale sollevare l’appesantita economia italiana, che fatica a trovare lo scatto decisivo per la ripresa. Secondo la Sace è “un futuro in accelerazione, tra ripresa e profondi cambiamenti, quello che attende l’export italiano nei prossimi quattro anni”, in base all’ultimo report “Export Unchained.

Scarica pdf >

Vittorio Agnati: Più forti all’estero

Stare su mercati globali, conoscerli, utilizzare le nuove tecnologie, collaborare di più invece di combattersi sono fattori che per esportare in USA valgono quanto la qualità del prodotto. Si può avere un prodotto meraviglioso ma se il potenziale compratore fa domande cui l’impresa non sa rispondere, il mercato è perso in partenza…

Scarica pdf >

Vola l’export cosmetico italiano verso gli Usa (+24,4%)

Nel 2016 gli Stati Uniti hanno guadagnato la terza posizione, dopo Francia e Germania, tra le destinazioni delle esportazioni italiane di cosmetici con una notevole crescita del 24,4% rispetto al 2015 e un valore pari a 406 milioni di euro. Questo valore rappresenta l’87,6% delle esportazioni nell’area Nafta (Canada, Messico e Stati Uniti)…

Scarica pdf >